BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

A buon intenditore poche parole

with one comment

La moglie accende la luce, mi spenge la televisione da cui avevo sperato vedere le azioni salienti della gioranta calcistica. Ma oramai dormivo. La moglie è in piedi perché il piccolo Francesco ha la febbre alta, a cena non ha mangiato e ora pretende il suo latte calduccino nel biberon lungo. Si va tutti a letto. Francesco ha la febbre alta, la madre suggerisce la supposta. Francesco pretende di bere prima il suo latte, poi avrà la medicina. Ma il sonno preme sugli adulti. “Francesco mettiamo la supposta” ripete la madre. “Dopo il latte” conferma il piccolo. Il sonno incalza, “Francesco mettiamo la supposta” rinnova la madre per dormire. “E va bene” accetta il piccolo, tutto sommato allegro. La madre prende la supposta e il piccolo chiude gli occhi e spalanca la bocca. “Non in bocca” dice la madre. Il figlio un po’ sorpreso rilancia: “Nel naso?” “No dalla parte opposta” spicciamente concludo. Al piccolo Gentili dev’esser balenata in mente l’imminente catastrofe e stizzito: “Mmmmh! Tu sei cattiva!”

Share

Written by rebeccagin

giugno 9th, 2009 at 9:18 am

Posted in medicina

One Response to 'A buon intenditore poche parole'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'A buon intenditore poche parole'.

  1. per non parlare della peretta di glicerina come clistere, il grande è particolarmente sensibile e nonostante il maldipancia pare di portarlo al macello, “babbo no per favore, la peretta no, tutto ma la peretta no”…

    babboleo

    9 giu 09 at 14:17

Leave a Reply