BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

voglio …ino

without comments

Per viaggiare non è un buon periodo.

chi cerca trova, o no?

chi cerca trova, o no?

Intendo dire che unopuntozero è piuttosto insofferente dei viaggi in auto. Non li regge. Appena saliti cominicia a chiedere “siamo arrivati?” e non si cheta fino a che non si addormenta. Purtroppo Morfeo non è immediato e celere, non sempre almeno. Se ci sono un pò di curve  la minaccia principale è il vomito che in caso di mal d’auto è modello esorcista, l’ho visto con i miei occhi in una torrida giornata estiva e non voglio che succeda mai più nella stessa auto dove sono io. Però il vomito non arriva solo perchè ha mangiato male o per le curve, succede anche che un capriccio prolungato, una bizza porti il nano alle lacrime, a tale livello di pianti e singhiozzi che finisce per strozzarsi e vomitare.

In fondo è per questo terrore che ogni volta in auto fa un capriccio unopuntozero ha una freccia in più al suo arco. L’altro giorno eravamo andati con la nonna a ritirare una macchina da cucire. Siamo scesi tutti e dopo aver pagato e preso il resto siamo rimontati in auto. Dopo poco da dietro si leva la voce già rotta nel pianto “voglio (incomprensibile)..ino“. “Voglio …..ino” “Voglio …..ino” “Voglio …..ino“.

Non c’è verso, non riusciamo a capire. Va sempre peggio. Comnicia a urlare “VOGLIO ….INO, VOGLIO ….INO
Nulla, non si capisce. Comincia a strozzarsi e ad avere i conati. Panico. Accosto immediatamente. Scendiamo e proviamo a consolarlo. O almeno a capire. 
“vuoi abassare il finestrino? NOOOO tra le lacrime
“vuoi il passeggino? NOOOOO singhiozzando
“vuoi un succhino? NOOOOO piangengo a dirotto
“vuoi un vestitino? NOOOOOdisperando che babbo e nonna possano mai capire i suoi bisogni attuali e futuri
Inutile. Non si capisce nulla.

Continua a piangere e a urlare. Lo prendo in collo e gli chiedo cosa vuole ” Voglio ….ino”topo, il babbo non capisce
Comincio a indicargli le cose, per capire. Indico varie cose in auto, “vuoi questo? Nooo. Vuoi quello? Noooo. Vuoi questo qui? Noooo
Cominciamo a pensare di non risolvere la questione in giornata.

Preso da pietà nei nostri confronti rallenta il pianto e indica il seggiolino. “volevi il seggiolino? NOooo“. Ce l’ho io in braccio, lui si sporge e si protende verso il suo seggiolino. Si sporge ancora e afferra stremato la moneta da 1 euro che gli era evidentemente scivolata di mano e finita sul sedile. Il soldino. Il soldino di resto che la nonna gli aveva dato da conservare. Voleva il soldino.

Quante cose si fanno per soldi? E per un soldino?

Share

Written by Babbo Leo

giugno 7th, 2009 at 6:45 am

Posted in Viaggiare

Tagged with , , ,

Leave a Reply