BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

fate la pappa

with 14 comments

la copertina del libro

la copertina del libro

E proprio stasera un gran casino tavola. Si tornava a cenare assieme dopo qualche giorno e i risultati (regressioni) si sono visti.

A parte il delirio della nostra serata ne approfitto per parlarvi di un nuovo libro che tenta di bissare il successo di FATE LA NANNA. Ora sempre per i tipi di Mandragora esce FATE LA PAPPA di M. Cerato; prefazione di M.A. Fusco.

Mangiare per un bambino (come per gli adulti) non vuol dire soltanto placare il senso della fame. Il cibo è il protagonista di rapporti sempre più complessi: con il suo corpo, i genitori e il loro affetto, le sue curiosità, gli altri. Tutto un mondo da scoprire, insomma. Per accompagnarlo in un percorso così importante per la sua salute e per la formazione della sua personalità, la mamma e il papà hanno bisogno di imparare molte cose, dal valore nutritivo degli alimenti ai metodi di cottura più adatti a un bambino. Ma soprattutto devono sapere come affrontare i problemi: cosa fare se non mangia, come abituarlo a stare a tavola evitando i capricci, le urla e le cene ‘animate’, come mantenere sana ed equilibrata la sua alimentazione anche quando il tempo è poco e le idee ancora meno. Solo così il momento del pasto potrà davvero essere uno dei più belli della vita di ogni giorno.

Non aspettatevi lo stesso impatto del precedente anche perchè mangiare forse è tema un pò diverso. A mio modo di vedere è altrettanto fondamentale. Meno difficile però capire quali sono le regole che governano tale attività. Diciamo che da quando Monsignor della Casa ne parlò di regole di Galateo ne sono state scritte tante. Ovviamente non è quello il riferimento per dei bimbi di pochi anni, ma il mondo ideale lo abbiamo abbastanza chiaro. Meno chiaro è l’impatto che il mangiare ha sull’educazione globale.

Per sovrappiù ci sono anche delle ricette, non banali.

Alcune cose vi sembreranno intuitive, altre meno. Diciamo che se per voi il momento del desinare (come si diceva una volta) presenta degli aspetti problematici e vi volete togliere dei dubbi o sentirvi rassicurati sul fatto che si mangia tutti assieme, si può mangiare da soli dai 12 mesi (a casa nostra è cosi), non si gioca a tavola e altre cose così allora è un libro che vale la pena comprare e leggere. Se viceversa i vostri figlioli sono bravi a tavola oltre a non comprare il libro potete anche dirci voi come avete fatto.

Per quanto ci riguarda i 10€ del libro (in realtà 8,5 perchè l’ho preso al supermercato) possono essere spesi. Faccio mio il detto, Se pensate che la cultura sia cara dovresete provare l’ignoranza.

Tuttavia, vista la stipsi del grande a me ora però servirebbe anche FATE LA CACCA, sono sicuro che conterebbe un sacco di utili stimoli.

Share

Written by Babbo Leo

settembre 14th, 2009 at 7:13 am

Posted in libri

Tagged with , , , ,

14 Responses to 'fate la pappa'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'fate la pappa'.

  1. Io da piccolo ero stitico forte: ma mia sorella liceale mi leggeva dei bei pezzi dei Promessi Sposi e andavo che era un piacere… altro che dolce euchessina

    beffatotale

    14 set 09 at 10:07

  2. potrei provare a fargli vedere Vespa in TV? oppure meglio se gli leggo MOCCIA?

    Babbo Leo

    14 set 09 at 12:49

  3. noooo fate la nanna noooo
    metodo Estivill da bocciare!

    complimenti per l’idea di riuninre dei babbi in un unico sito!

    polly5vm

    15 set 09 at 00:41

  4. può essere, non ho basi scientifiche e forse del metodo preciso si può discutere ma è di oggi la discussione all’asilo durante l’inserimento dove erano i miei le mosche bianche che a 3 e 1 anno dormono nei loro letti tutta la notte. Chi ancora prende il biberon, chi si sveglia per poppare, chi li tiene nel lettone e cosi via…

    Diciamo che il libro ti rassicura e ti da fiducia se il bimbo piange un pò la notte e ti da due dritte su come compotarsi.

    L’intelligenza e l’amore dei genitori non possono essere sostituiti da un manuale.

    grazie per i complimenti al blog.

    ciao

    Babbo Leo

    15 set 09 at 11:52

  5. Ma babbo leo cosa c’è di male se i bimbi si svegliano per poppare o stanno nel lettone?

    Perchè il bene dovrebbe essere quello scritto da Ferber (e copiato e commercializzato da Estivill).

    Su fate la pappa invece non è così male devo dire, anche se i consigli sugli orari e sul sostituire le poppate non li condivido.

    Elena

    15 set 09 at 15:27

  6. Embè?Se a tre anni o a un anno ancora qualcuno prende il biberon o si sveglia per mangiare o dorme nel lettone?
    L’infanzia è tanto breve che non vedo perché avere tanta fretta di vedere questi bambini “grandi”.
    I bambini sono belli come sono,con i loro bisogni,che forse vanno al di là delle nostre fissazioni,e le tappe di crescita più belle sono quelle che avvengono da spontanee conquiste piuttosto che da imposizioni. Mia figlia ha 4 anni,ancora si coccola con il biberon alla sera,ha preso il mio latte per 21 mesi,e fino a poco tempo fa dormiva nel lettone con me.Un bel giorno mi ha chiesto di dormire in camera sua,ed è orgogliosissima del suo letto da grande.Io sorrido perché è cresciuta,e sono felice che nessuno le ha messo fretta.

    Giada

    15 set 09 at 15:30

  7. Ma perchè che male c’è nel poppare ancora la notte o tenerli nel lettone?

    Vedi secondo me non esiste un metodo universale esiste il metodo che va bene per ogni singolo bimbo ed ogni singolo genitore.
    I paragoni sono prorpio brutti da fare è come dire “io sono più brava visto!” e qui siamo tutti work in progress.

    Complimenti per il blog,davvero ben fatto.

    barbamamma

    15 set 09 at 17:24

  8. ha ragione barbamamma, le cose che ho detto le ho messe solo per condividerle, non conviene a nessuno fare le gare, sarebbe troppo stupido.

    @ Elena. Non c’è un ben unico. condivido
    @ Giada. A me personalmente danno noia nel lettone, soprattutto il piccolo (1a) che la mattina quando si sveglia prendo e metto nel letto con noi per un pò di coccole e che, ingrato, si mette di traverso spingendo coi piedi e con le mani. Fetente occupatore.
    @ barbamamma. Non c’è nessun male. Non sono un pediatra e, come detto sopra, non c’è un unico male e un unico bene ma a me farebbe fatica alzarmi la notte, tutte le notti, alle 4 per dare il biberon a uno che poi di giorno mangia con coltello e forchetta da solo a tavola con me.

    grazie per i complimenti e per aver condiviso i vostri pensieri.

    Babbo Leo

    15 set 09 at 17:56

  9. ma per la cacca nessun aiuto?

    Babbo Leo

    15 set 09 at 17:56

  10. Per la cacca….io ocn mia figlia ho risolto col lattulosio.

    Giada

    15 set 09 at 20:18

  11. Per la cacca a chi ti riferisci aal 3nne o al piccolo? perché il mio piccolo, che ha appena compiuto 3 anni, non ha mai fatto la cacca se non con l’aiuto di aggiunta di portolac nel latte e/o di cliisterini, perché si rifiutava proprio di farla e la tratteneva. Quest’estate abbiamno tolto il pannolino (solo di giorno) e magicamente ha risolto il problema, “forzato” un po’ la prima volta a stare sulla tazza, quando l’ha vista nel water l’ha salutata con la manina e da allora non ha più avuto problemi….., ma ci sono voluti appunto 3 anni!

    polly5vm

    15 set 09 at 21:51

  12. mi riferivo al 3n, ha tolto il pannolino a inizio estate (vedi post relativo) ma è stato stitico tutta l’estate. Ora ha migliorato il ritmo ma le modalità sono ancora in divenire…Anche se gli ultimi 3\4 giorni è stato “bravo” e tutti i giorni ha fatto il suo sul WC.

    Babbo Leo

    15 set 09 at 23:01

  13. se prende ancora il latte con il biberon 8o nel bicchiere) protesti aggiungere due bustine di portolac, non ci sono controindicazioni

    polly5vm

    15 set 09 at 23:13

  14. [...] fare a far mangiare la frutta ai nani? Beh, non facile. Come scritto anche in “Fate la pappa” il metodo migliore è l’esempio. Inutile che pretendiate che il nano mangi la mela se [...]

Leave a Reply