BabbiBabbi

Uomini che affrontano la paternità…

Archive for the ‘cibo’ Category

Simmen

without comments

Come molte altre anche questa rientra nelle favolose scoperte frutto del caso.

Il punto era che cosa mangiamo sulla spiaggia visto che la solita pizza ci ha stufato e visto che non abbiamo troppa voglia di farci riconoscere come la famiglia Brambilla in vacanza che stende la copertina a quadri e tira fuori dai panieri e dalle sporte chilometri di salciccia, polli e peperonate varie oltre alle immancabili melanzane alla parmigiana. Mi sono ricordato di mia mamma .. Read the rest of this entry »

Share

Written by Babbo Leo

luglio 5th, 2009 at 10:11 pm

Posted in famiglia,mangiare

Tagged with , , ,

Estate, tempo di ghiaccioli!

with one comment

ghiacciolo_ikeaEbbene si, da qualche tempo il ghiacciolo è diventato il gelato preferito del quattrenne. Va bene sia il modello “calippo” che il classico a bastoncino. E quindi quale migliore sorpresa dello stampo per farsi i ghiaccioli in casa?? Stupore e meraviglia! E  soprattutto il divertimento per prepararli! Dove si trovano gli stampi? Immagino che sia possibile acquistarli in tanti posti (supermercati?), noi li abbiamo presi all’Ikea (e dove altrimenti!). Il SOLIG, alla modica cifra di 1,99 € consente di realizzare 6 ghiaccioli. La ricetta? Semplicissimo: nello stesso store è disponibile uno sciroppo concentrato di mirtillo. Sciolto in 2 parti d’acqua (dosi completamente a caso) e lasciato in frigo per qualche ora. Ovviamente è possibile usare molti altri ingredienti (frullati di frutta, succhi di frutta, sciroppi vari…). Tempo di preparazione: 3 minuti per un adulto, 20 minuti con un quatrenne. Difficoltà: nessuna per un adulto, cucina e vestiti imbrattati per il quattrenne, freezer aperto 20 volte nell’ora successiva per controllare se era pronto…

Share

Written by Jago

giugno 25th, 2009 at 7:36 am

Posted in cibo,gioco

Tagged with , ,

ricetta veloce

with 2 comments

Situazione: la mamma è uscita di corsa. Non ha lasciato nulla di pronto. E ora?

Mettete voi la scusa o il pretesto o il vero motivo che sia stato addotto stavolta. Può essere il the con le amiche, un urgente consulto di cuore con l’amica di sempre o la cena della palestra di cui aveva dimenticato di avvisarvi.

Di fatto ora siete soli e impreparati con una cena da preparare e a cui non eravate per niente preparati. Read the rest of this entry »

Share

Written by Babbo Leo

giugno 22nd, 2009 at 7:33 am

Posted in cibo,mangiare

Tagged with , , ,

Gelato 2

with one comment

Facendo seguito all’esperienza di Babboleo sulle idee, più o meno chiare, dei nani in merito ai gusti di gelato, e soprattutto dopo avergli fatto notare che era troppo facile tenere il cono in mano mentre il nano mangia (vedi commenti), mi trovo costretto a documentare l’esperienza vissuta. Il look in onore alla vittoria dei Lakers!

Share

Written by Jago

giugno 18th, 2009 at 2:27 pm

Posted in cibo

Tagged with , ,

gelato

with 3 comments

domando a duepuntozero, ma a te quale gelato piace di più?

mmm (silenzio) uuhhh (silenzio) Fragola e Cioccolato

Ah, buono, e quello bianco? (fior di latte, ndr)

No, Fragola e cioccolato

Ah, e Cioccolato e Fragola?

NO. Ho detto Fragola e Cioccolato.

ecco, l’importante è avere chiare le idee da piccoli che da grandi ci si confonde parecchio.

Share

Written by Babbo Leo

giugno 8th, 2009 at 2:59 pm

Posted in cibo

Tagged with , ,

Brodo di carne

with 4 comments

Mi par assolutamente necessario in questo blog inserire la ricetta del brodo di carne; uno perchè alimento essenziale nello svezzamento dei pupi, due perchè vista l’età media e la condizione fisica di tanti padri un bel brodino potrebbe far bene anche a loro.

brododicarnePunto essenziale è la scelta della taglio di carne: i classici tagli come costoline o punta di petto danno un brodo più saporito ma un pò grasso, quindi poco indicato per i bimbi (ma ottimo per i tortellini) invece, tagli come sorra, muscolo e magro di polso, sono più indicati al nostro scopo. 

La preparazione è semplice: mettiamo la carne in una pentola, insieme ad una carota, una piccola cipolla, un pomodoro ( in realtà il mio pediatra dice di aspettare a mettere il pomodoro) una costola di sedano, una patata,  copriamo tutto con acqua fredda ( la costante dell’acqua fredda è presente in tutte le ricette che ho letto adducendo come motivazione che l’acqua fredda permette alla carne di rilasciare le proprie sostanze) e portiamo ad ebollizione con  fuoco basso per almeno due ore.

Durante la cottura si forma spesso della schiuma che va rimossa con una schiumarola.

 Una volta terminata la cottura, lasciate freddare per un paio di ore, separate la carne e le verdure dal brodo e filtrate quest’ultimo con un panno per eliminare residui delle verdure e il di grasso.

buon appetito

Share

Written by principebabbo

giugno 4th, 2009 at 11:24 am

Posted in cibo,mangiare

Tagged with

ancora banane

with 2 comments

Arriviamo a casa poco prima di ora di cena, c’è da preparare a dopo poco si mangia.

Unopuntozero mi fa, voglio una banana. (si sa che gli piacciono)
Vabbè
, penso io, è frutta. Guardo e c’è l’ultima. Vabbene, gli dico.
La apro io?
, chiedo.
Si.
Procedo, dopo aver tolto quasi tutta la buccia ne stacco un pezzo e gliela porgo. Non lo avessi mai fatto. Ha strabuzzato gli occhi, ha strillato, è inorridito, si è offeso come se gli avessi offeso la mamma (cosa che peraltro ogni tanto capita). è scappato via piangendo e urlando. Arrabbiatissimo. E io sono rimasto lì come un cretino con un pezzo di banana senza buccia in una mano e una banana con buccia nell’altra. Dopo poco si presenta la mamma con unopuntozero attaccato alla gonna (metaforicamente) e mi dice, che gli hai fatto? Non faccio in tempo a rispondere, vede, comprende. Mi fa, Eh, lo sai che non va rotta la banana. E quell’altro dietro ancora piangeva a dirotto e biascicava tra le lacrime, Babbo, rotto banana, mia, babbo, ahaaa.

Dico che è uguale, nulla.
Dico che è come i biscotti, per magniarli si devono rompere, nulla.
Mi offro di aggiustarla (penso di mettere un armatura di stuzzicadenti nascosti all’interno), nulla.
Gli propongo un altra banana nuova, cosa pericolosissima visto che di banane non ce n’erano più e che non si deve mai promettere se non si è davvero in grado di mantenere. Nulla.
Tutto si è rivalato inutile.

E se non gliele comprassi piu le banane?

Share

Written by Babbo Leo

maggio 22nd, 2009 at 7:36 am

Posted in cibo

Tagged with , ,

orgoglio di babbo

without comments

nell’ordine ho

  • concepito l’idea
  • sbucciato 4 patate
  • pulito 6 zucchine
  • pulito 7 carote
  • preso la pentola grande
  • messo l’acqua dentro la pentola
  • messe le verdure nella pentola
  • messo tutto sul fuoco
  • messo il coperchio per risparmiare energia ma non troppo chè poi va tutto di fuori
  • controllato che non uscisse nulla e verificato la bollitura
  • smistato il brodo in 9 barattoli, di cui uno doppio
  • frullato le verdure
  • riempiti 11 vasetti con le verdure suddette
  • messo il pentolone e il frullatore nell’acquaio per lavarlo (o magari farlo lavare, haivistomai) con comodo

quindi, e vado a concludere, nano 2.0 può oggi essere fiero di me.

Applausi grazie.

Share

Written by Babbo Leo

aprile 19th, 2009 at 2:37 pm

e le banane?

with 2 comments

Ierisera dopo una giornata di lavoro avevo il delicatissimo e strategico incarico di apprpvvigionamento della intera truppa di casa: dovevo fare la spesa grossa.

Dotato di pizzino autografo della moglie mi sono dotato di carrello e ho iniziato il viaggio, ho preso tutto quello che dovevo. Pannolini, offertissime, sconti immediati e posticipati, ho scelto tra vari tipi di pappe, omogeneizzati e biscotti, ho persino preso un accappatoio nuovo per 1.0 (quello attuale è un pò precisino). Insomma: MISSION ACCOMPLISHED.

Soddisfatto e orgoglioso arrivo sotto casa e comincio a scaricare le buste, con circa 200 euro di spesa le buste sono numerose e anche i viaggi macchina-casa necessari.

Ho scaricato tutte le buste in corridoio e bel bello si presenta 1.0 e mi fa:
“Babbo, c’è una banana lì?”
“…” (Puttana miseria mi son scordato le banane)
“c’è Babbo?” dice forse pensando che non ho ben capito le domanda in quanto le banane non possono non esserci
“no topo, non le ha prese le banane babbo”
“ma io vojo una banana” ripete sconsolato e forse ha capito che le banane non ci sono per davvero
“ma babbo non le ha prese”
“vojo banana ora io” triste e consapevole dell’assenza confermata delle banane
“non vuoi uno jogurt?”
“no, vojo banana” e comincia a piangere davvero avvilito
Mi sono sentito un cane.

Morale della favola, non vi scordate mai le banane piuttosto rubatele.

Votalo come post dell'anno

Share

Written by Babbo Leo

aprile 17th, 2009 at 2:26 pm

Posted in cibo,domande difficili

Tagged with

certezze

without comments

babbo
guarda cosa ha portato babbo, le castagne!

nano 1.0
mmm. buone, cassagne

babbo
si dice castagne

nano 1.0
si babbo, cassagne, buone

babbo
ti piacciono?

nano 1.0
si

babbo
ma le hai mai mangiate prima?

nano 1.0
no

babbo
e come fai a saperlo allora?

nano 1.0
(silenzio)

babbo
(silenzio)

nano 1.0
buone, cassagne

Share

Written by Babbo Leo

ottobre 14th, 2008 at 10:30 pm